Appartamenti


Nel 2016, per 6 mesi, è stata effettuata una sperimentazione di vita autonoma in appartamento con alcuni ragazzi della nostra associazione. L’obiettivo primario di quel progetto era di offrire la possibilità a persone disabili, sia con facoltà intellettive compromesse sia integre, di sperimentarsi concretamente con il proprio desiderio e le proprie capacità di autodeterminazione e di essere accompagnate in un cammino individuale di crescita nel potenziamento delle proprie capacità.


Da quella sperimentazione e grazie alla legge 112/16 “Dopo di Noi” sono nati 2 progetti importanti in cui convivono alcuni dei nostri soci in 2 diversi appartamenti: il Progetto CASA NOSTRA e il Progetto CASA INSIEME.
Il nostro obiettivo è di permettere ai partecipanti di trasferirsi e vivere in modo autonomo (con il supporto degli assistenti) e permanente presso uno dei 2 appartamenti.

Progetto CASA NOSTRA – Sant’Anna d’Alfaedo

Un primo progetto è partito nel 2016 in un appartamento privato sito nel comune di Sant’Anna d’Alfaedo.
Le protagoniste sono due amiche: Gessica e Nadia.
Al momento convivono per 5 giorni la settimana, dal lunedì al venerdì.
Nadia lavora nella scuola primaria di S.Anna d’Alfaedo e si reca all’appartamento dopo il lavoro utilizzando il trasporto pubblico.
Le ragazze, insieme alle loro assistenti personali, si occupano della gestione della casa in cui vivono.

Nelle notti che Nadia trascorre nell’appartamento, c’è la supervisione dei genitori di Gessica che abitano nell’appartamento adiacente.
Questo progetto avanza in modo molto soddisfacente con notevoli progressi per le persone coinvolte:
• il rapporto instauratosi tra le due amiche si è consolidato e approfondito nel tempo;
• si è creato un clima di stima e fiducia tra le famiglie coinvolte.

Il compito dell’associazione è quello di supervisionare il progetto affinché possa proseguire.


Progetto CASA INSIEME – Arbizzano

Questo progetto è partito nel luglio 2019 coinvolgendo un gruppo bello attivo di ragazzi che hanno deciso di mettersi in gioco e provare a vivere la propria vita in autonomia.
I ragazzi si turnano in piccoli gruppi di 4 persone per 4 giorni la settimana (dal martedì al venerdì) con il supporto degli assistenti e i volontari della nostra associazione.
Si privilegia sempre il piccolo gruppo per dare la possibilità ai ragazzi di essere protagonisti della propria quotidianità, di viverla in prima persona assumendosene le responsabilità. 
Durante questi giorni ogni partecipante continua a svolgere le consuete attività: chi lavora o partecipa ai centri diurni prosegue a farlo per poi, al termine, rientrare in appartamento. 

Dal 2020 due delle ragazze protagoniste, Michela e Giovanna, si sono trasferite definitivamente nell’appartamento e convivono con loro grande gioia ed entusiasmo, dando comunque l’opportunità ai soci dell’associazione, e non, di continuare la sperimentazione.